Estensione dell’accertamento ai fini del registro anche alle imposte dirette: la giurisprudenza

Nella prassi più recente si è verificato che le eventuali adesioni agli accertamenti sull’imposta di registro – perfezionate spesso da parte degli acquirenti – abbiano dato origine a successivi avvisi di accertamento ai fini delle imposte dirette emessi nei confronti dei soggetti venditori le aziende o gli immobili. In due contributi pubblicati su Il Sole 24 ORE del 14 ottobre 2014, Norme & Tributi si è inteso riepilogare la posizione della giurisprudenza più recente in materia e formulare alcune considerazioni in ordine alla strategia difensiva che dovrebbe essere al riguardo impostata.